Itinerario ai luoghi di S. Carlo

           Precedente Home Successiva 

 

 

 

 

Ci scusiamo per il disagio il sito

verrà aggiornato a breve

 

 

 

 

 

San Carlo  a Sezze!  

 

Il Reliquiario di San Carlo da Sezze

Monsignor Loris Capovilla tra Giovanni XXIII e San Carlo da Sezze

Il Vescovo Mariano Crociata incontra la comunità di Sezze

Padre Nicola Macale in visita alla casa natale

Inaugurazione dell' Epigrafe Commemorativa della Nascita di San Carlo

Mons. Giuseppe Petrocchi nuovo Arcivescovo de L'Aquila

Celebrazione di apertura del IV Centenario

Premio Letterario, Grafico - Pittorico e Multimediale

Festa dei Santi Patroni di Sezze 2013

Le Confraternite a Sezze tra passato e presente

Programma Manifestazioni

Sezze e la Diocesi in festa

Mostra sui manoscritti di San Carlo

 

 

 

Home
Le Confraternite a Sezze tra passato e presente
Centro Studi San Carlo da Sezze
Monsignor Loris Capovilla tra Giovanni XXIII e San Carlo da Sezze
Il Reliquiario di San Carlo da Sezze
Il Vescovo Mariano Crociata incontra la comunità di Sezze
San Carlo  a Sezze!
Padre Nicola Macale in visita alla casa natale
Inaugurazione dell' Epigrafe Commemorativa della Nascita di San Carlo
Mons. Giuseppe Petrocchi nuovo Arcivescovo de L'Aquila
Celebrazione di  apertura del  IV Centenario
Sezze e la Diocesi in festa
Festa dei Santi Patroni di Sezze 2013
Premio Letterario, Grafico - Pittorico e Multimediale
Programma Manifestazioni
Mostra sui manoscritti di San Carlo
399° Anniversario della Nascita
Concerto per il Papa
50° della Canonizzazione di San Carlo
Rassegna Polifonica "L'Attesa"
Natività in Casa San Carlo
Trafitto dall'Eucaristia
150 Anni dell'Unità d'Italia
Poesia e spiritualità nelle opere di San Carlo da Sezze
I Santi venerati nella tradizione spirituale e popolare di Sezze
San Carlo da Sezze a Loreto
Sagra del Carciofo 42° edizione
La cultura contadina e le tradizioni della terra di San Carlo
La Resurrezione
Conferenza su San Carlo da Sezze
Mostra Iconografica sulla Natività
Presepe Artistico
San Carlo e il suo paese…Sezze
Il Centro Studi e la Sacra Rappresentazione del Venerdì Santo
Le vie di Roma nella Regione Lazio
San Carlo da Sezze e la  Passione di Cristo
Concerto Notte Tricolore
Eventi e manifestazioni
Sabato 9 maggio benedizione del Crocifisso
Programma manifestazioni
La Stimmatizzazione al cuore
Natale con San Carlo
La Corale San Carlo a Segni
Cori di voci bianche in concerto
L'altare del Crocifisso
La visita dei frati all' I.S.I.S.S.
Le scuole di Sezze in visita alla casa di S.Carlo
I giovani di S.Domitilla nella casa di S.Carlo
Ultime esibizioni della Corale
2 agosto 1959
Libri pubblicati
Storia di Sezze
Cattedrale di Santa Maria
Itinerario ai luoghi di S. Carlo
Una strada per San Lidano
Il restauro delle edicole votive
Corale San Carlo
Illuminata la grande croce
Setini illustri per santita'
L'arte di Tommaso Brusca
S. Carlo mistico di  R. Sbardella
La casa natale di S. Carlo
I conventi di San Carlo
Incontro con San Carlo
San Carlo da Sezze a Carpineto Romano
La forza dell'umiltà
Cenni sulla vita di San Carlo

 

 

Per informazioni, contattare il
Centro Studi "S. Carlo da Sezze"
via Piagge Marine, 39
04018 SEZZE (LT)
sancarlodasezze@sancarlodasezze.it

 

 

 

Hit Counter

contatore visite

 

 

 

Visite guidate ai luoghi di S. Carlo
a cura del Centro Studi "S. Carlo" da Sezze

 

Itinerario
 
Arrivo a Porta Sant'Andrea

 

 
Casa natale del Cardinal P. M. Corradini

 


 
 
Museo Casa natale S. Carlo

Casa natale
Anche se le testimonianze non sono state tutte concordi, una tradizione vivissima e continua nel tempo, suffragata da esplicite indicazioni documentali, assegna come luogo natale di Giancarlo Marchionne la casa che ancora oggi si affaccia su piazza S. Lorenzo.
Di modeste dimensioni, l’edificio ha mantenuto la facciata originaria, mentre al suo interno più nulla risale al tempo del santo; gli ultimi lavori di restauro, che sono serviti a salvare l’abitazione da sicura rovina, hanno comunque definito una situazione di fatto già profondamente mutata nel corso dei secoli.
Questa casa è strettamente legata a tutta la prima parte della vita di san Carlo, fino a quando cioè, maturata in lui la vocazione francescana, lasciò la città natale alla volta di Roma, per essere ricevuto nell’ordine dei frati minori. In questa abitazione san Carlo consumò l’ultimo pranzo con i suoi, come ci racconta lui stesso in un brano di rara poesia e di profonda umanità:
Poco tempo mi trattenni a Sezze, quando mi arrivò l’avviso da Roma che quanto prima vi dovessi andare perché si faceva la ricezione dei novizi, cosa che feci sapere a quelli di casa. Prima che mi lasciassero partire mia madre volle che aspettassi un giorno, perché insieme a mio padre e a tutti gli altri fratelli e sorelle, quella mattina, si mangiasse insieme: fu per noi come il giorno di pasqua. Accondiscesi alla sua richiesta e, mentre il giorno seguente stavamo a mensa, arrivati alla fine quella buona donna, vinta dall’affetto materno, si mise a parlare con me, mostrando di sentire molto la mia partenza, e al termine del suo discorso mi disse queste parole: “Figlio mio, credo che questa sarà l’ultima volta in cui mangeremo insieme, e non so se ti vedrò più; perciò ti prego, per quell’amore che ti ho sempre portato, che di tua mano mi lasci qualche cosa tra quelle che sei solito portare perché, vedendola, mi ricordi di te e mi consoli nel mio dolore”. In questo momento così triste, aiutato da Dio, vinsi me stesso e, volendola consolare, le dissi sorridendo che allora andavo solo per essere ricevuto nell’ordine e che, prima di vestire l’abito, sarei tornato; presi la corona del rosario, se non ricordo male, e gliela diedi. Ripensando ora a quanto fece questa donna devota, non penso che fosse mossa tanto dall’affetto materno, quanto che fosse spinta da Dio, il quale le ispirò nel cuore che non mi avrebbe più rivisto in questa vita: successe appunto così, perché quattro anni dopo l’ingresso nell’ordine passò da questa all’altra vita, senza avermi più potuto vedere.
Massimiliano Di Pastina
 
Chiesa S. Lorenzo (XIII sec.)

La chiesa di S. Lorenzo
San Carlo l’aveva sotto gli occhi tutto il giorno: questa chiesa, che si affaccia sulla omonima piazza, è infatti a pochi metri di distanza dalla sua casa natale.
L’edificio attuale, in verità, ha subito radicali restauri che l’hanno profondamente modificato, alterando le linee strutturali note ai tempi di san Carlo.
In effetti, Camille Enlart ebbe modo di visitare la chiesa di S. Lorenzo nel 1890, durante gli studi preparatori della sua opera sulle origini francesi dell’architettura gotica in Italia, pubblicata quattro anni più tardi a Parigi. Lo spettacolo che gli si presentò agli occhi fu, per lui, impressionante: nel tentativo di restaurare la chiesa ormai fatiscente  - addossata alla cinta muraria della città, di cui occupa una torre -  maestranze locali avevano provveduto ad una progressiva demolizione delle antiche strutture; Enlart, sconsolato, scrive di averne vista «commencer la démolition», esprimendo così tutta la sua personale riprovazione per un restauro tanto radicale quanto spontaneo e dettato da esigenze “pratiche”.
Purtroppo non si conoscono le origini di S. Lorenzo, anche se la presenza di una vasta cripta  - ora inaccessibile -  farebbe pensare ad un edificio paleocristiano più volte rimaneggiato. Il Lombardini, il maggiore degli storici locali moderni, non potendo essere più preciso, scrive che la chiesa «rimonta(…) ai primi secoli della Cristianità», ma nella nuova edizione della sua storia, rivista a cura del figlio Francesco, viene scritto che «fu edificata sopra un monumento pagano del quale rimangono due colonne». E in effetti, come annotano L. Zaccheo e F. Pasquali, nelle «immediate vicinanze della chiesa di S. Lorenzo è stato trovato un frammento di fregio dorico con triglifi e metope decorate con alternanza di bucrani e di rosette»: ma non si può affermare con sicurezza, solo sulla base di questi resti archeologici, che la chiesa di S. Lorenzo sia stata edificata sulle rovine del tempio di Apollo.
Le più antiche testimonianze documentarie finora note riguardo alla chiesa risalgono al XIII secolo: un certo «presbiterum Gotifridum, priorem ecclesie Sancti Laurentii» compare in un atto del 18-25 febbraio 1272 in cui Sassone, «setino scriniario», fa convocare da Bartolomeo Pendiconus, pubblico «preconem et mandatarium», alcuni  testimoni allo scopo di provare le condizioni di vendita delle acque e delle peschiere di Mesa; S. Lorenzo è nominata anche fra le chiese di Sezze che nel 1331 versano la decima alla Camera apostolica.
Ci è pure sconosciuta l’epoca dell’intervento architettonico cistercense, probabilmente dovuto alla scuola monastica di Fossanova, ma dovette essere contemporaneo a quello effettuato, sempre a Sezze, sulla cattedrale di S. Maria; l’Enlart ipotizza per S. Lorenzo «une date voisine de 1300».
La chiesa conserva tuttora la forma di un rettangolo allungato e irregolare  - secondo la descrizione che ne ha data lo studioso francese alla fine del secolo scorso -  coperto da tre campate con volte a crociera su doppia curvatura e senza modanatura. Le volte sono sostenute da semicolonne addossate a pilastri doppi; di capitelli dell’epoca se ne conservano ancora due, in prossimità del piccolo presbiterio, lavorati uno a due grandi foglie ricurve («deux larges feuilles recourbeés»), l’altro con due ordini di piccole croci.
L’Enlart alla fine del XIX secolo ha sostanzialmente potuto osservare la stessa struttura e gli stessi elementi architettonici che ancora oggi sono presenti nella chiesa, pur se resi quasi irriconoscibili per i pessimi restauri cui sono stati sottoposti; sono scomparsi però gli archi e le volte a sesto acuto   - distrutti insieme al tetto per far posto a nuovi archi a tutto sesto -  e le basi delle colonne, scalpellate per uniformarle al piano del nuovo pavimento, che Enlart così descrive: «Les bases attiques, lègérement déprimées et munies de griffes, étaient d’un beau profil; elles reposaient sur un socle couronné d’une baguette».
Continuando nella descrizione di S. Lorenzo, l’Enlart aggiunge che le finestre erano rettangolari e strombate all’interno; il campanile, «fermé d’une arcade en tierspoint», era situato nell’angolo sud-ovest della chiesa.
Il radicale restauro ottocentesco, compiuto al tempo in cui era parroco di S. Lorenzo don Alfredo Damiani (1870-1931), è testimoniato anche da una iscrizione  - scoperta l’8 agosto 1982 -  nella grande arcata di sinistra che accoglie attualmente un confessionale: dipinta sul muro, è stata parzialmente ricoperta da una nuova tinteggiatura della chiesa. Nel 1900, dunque, come testimonia questa iscrizione, i lavori erano ormai finiti; allo scopo di condurre a termine il radicale restauro, erano state attivate anche le autorità diocesane: la sacra Congregazione del concilio, dietro viva istanza del vescovo diocesano Paolo Emilio Bergamaschi, aveva concesso nel 1899 che per cinque anni i parroci e gli economi curati delle diocesi di Priverno, di Sezze e di Terracina dovessero celebrare le messe «nei giorni di feste soppresse non più (…) pro populo, ma secondo l’intenzione del Vescovo Diocesano, onde le elemosine delle messe applicate con questa intenzione siano erogate per la fabbrica della Chiesa di S. Lorenzo in Sezze, ed ultimata poi questa, per i restauri di altre Chiese povere, ovvero per provvederle dei necessari Arredi Sacri». Nel 1895 si interessò ai lavori anche Ercole Boffi (1829-1895) del clero di Sezze, vescovo di Bagnoregio: c’era il pericolo della «ruina totale del muro che prospetta la piazza» e Boffi elargì somme cospicue, consegnate al vicario generale don Alessandro De Angelis; sempre per suo interessamento, i lavori vennero diretti «gratis col solo premio della Protezione (…) della Vergine del Carmelo, che ivi si venera, dall’Egregio Ingegnere Signor Giuseppe Boffi fratello carissimo» del vescovo.
Questo restauro ci è noto anche da un’altra lapide di marmo, murata sulla parete destra della chiesa, in prossimità della porta d’ingresso. Ultimi lavori di una certa entità furono compiuti da don Lionello Ricci (1912-1984) nel 1942, con cui si provvide a dotare la chiesa di un nuovo altare maggiore in marmo.
San Carlo da Sezze ne ricorda con affetto il parroco, don Giuseppe Piacentino, succeduto a quel don Angelo Rotundus che lo aveva battezzato nella cattedrale di S. Maria il 22 ottobre 1613. Nell’autobiografia usa toni delicati e pieni di malcelata gratitudine per gli insegnamenti ricevuti da don Piacentino; ecco cosa scrive di lui:
 tornai un’altra volta a scuola sotto la cura di un altro maestro, che era il curato della nostra parrocchia di S. Lorenzo e che si chiamava don Giuseppe Piacentino: un uomo molto serio, teologo e predicatore; postomi sotto la sua disciplina, quale persona prudente volle conoscere il mio animo e che cosa avrei voluto fare. Gli risposi che era mia decisione di farmi religioso di san Francesco di quelli della Madonna delle Grazie, che sono i padri riformati, ma che mi volevo fare frate laico, non da messa. Lodò grandemente questa mia decisione e, come stupito e pieno di meraviglia, proruppe in queste parole che, come mi hanno detto gli uomini dotti, sono di sant’Agostino, ma le disse in latino: “Vengono gli ignoranti indotti e rapiscono il paradiso e noi con le nostre lettere ce ne andiamo all’inferno”; continuando il suo ragionamento, mi diceva che era contento che io andavo a scuola da lui e che mi avrebbe insegnato solo quanto è utile allo stato dei religiosi laici, come il servire la messa, le opere di misericordia, i sacramenti della Chiesa insieme ad altre devozioni e virtù, che si praticano nell’ordine.
Massimiliano Di Pastina
 
Cattedrale Santa Maria (XIII sec.)

Basilica cattedrale
Le origini della cattedrale di Sezze sembrano risalire al III secolo quando, sull’area dell’edificio attuale, pare sia stata costruita una ben più modesta chiesa, dedicata a san Luca, che tradizionalmente è considerato l’evangelizzatore della città. Nel corso del tempo, su quello originario sono stati costruiti almeno altri tre corpi di fabbrica finché, durante il pontificato di Urbano V (1362-1370), il visitatore apostolico Pierre le Chartier emanò delle disposizioni che prescrivevano di restaurare le mura dell’edificio sacro rovinate da un incendio. Così ristrutturata, la chiesa venne consacrata il 18 agosto del 1364 dal francescano Giovanni da Sora, «episcopus Terracinensis et Setinus» (1362-1369): l’Archivio capitolare della cattedrale ancora conserva, tra le sue pergamene più belle, il diploma originale di questa dedicazione.
I restauri promossi nel XVI secolo dal vescovo Luca Cardino (1582-1594) e l’ultimo, eseguito nel 1968 dalla Soprintendenza ai beni artistici del Lazio, hanno alterato sensibilmente la magnifica struttura gotico-cistercense della cattedrale di Sezze, che, nell’attuale assetto, coincide praticamente con l’edificio realizzato nel XIII secolo con l’innegabile apporto di maestranze provenienti dal cantiere abbaziale di Fossanova. I lavori promossi dal Capitolo della cattedrale nel 1926 avevano invece liberato la struttura da manomissioni settecentesche.
A causa del capovolgimento del suo orientamento originario, la chiesa madre di Sezze si presenta in maniera alquanto singolare e vanta un curioso primato: è l’unica cattedrale al mondo con l’ingresso ricavato dalla primitiva abside. La curiosa trasformazione risale alla fine del XVI secolo, durante i lavori promossi dal già ricordato vescovo Cardino, allorché nella struttura semicircolare posta nel fondo della navata centrale venne aperto un largo portale, mentre dall’ingresso fu ricavato un più ampio transetto con una nuova abside rettangolare. Modifica poco rispettosa dell’arte, ma dettata da esigenze create da un sostanzioso incremento demografico della popolazione e quindi della comunità cristiana, in una città che, di fatto, da qualche decennio era effettivamente divenuta di nuovo sede del vescovo della diocesi.
Benché rovesciata, nel suo interno la cattedrale ha conservato in modo soddisfacente la sua fisionomia, caratterizzata dalla ripartizione in tre navate, quella centrale notevolmente più ampia e più alta  - circa il doppio -  rispetto alle due laterali.
La divisione tra le navate è ottenuta da due file di sette pilastri in robusti blocchi di calcare locale; questi elementi portanti non sono tutti uguali tra loro: ad alcuni è infatti addossata una semicolonna, altri, invece, sono caratterizzati da lesene che  - assecondando una tipologia architettonica di chiara matrice cistercense -  si arrestano a circa tre metri dal suolo con terminazioni a cono rovesciato, recanti elementi diversi e curiosissimi: volti umani, croci di diversa fattura, scimmie, fiori... Tutte  le lesene sono sormontate da capitelli. I pilastri determinano otto campate che insistono su archi a sesto acuto; la copertura della navata centrale è quindi scandita da un numero corrispondente di piccole vele, a differenza di quella delle navate laterali, che è a crociera.
Nell’originario emiciclo absidale  - l’attuale ingresso, sovrastato da un poderoso campanile di forma quadrangolare -  si apre una lunga e stretta finestra profondamente strombata.
Esternamente, la cornice superiore dell'abside è arricchita da finissimi dentelli, anch’essi ricchi di curiose e varie decorazioni costituite da teste di piccole scimmie, croci di varie forme, volti umani.
L’interno è caratterizzato dal baldacchino ligneo che sovrasta l’altare maggiore basilicale: opera, insieme alla statua del patrono san Lidano d’Antena, dello scultore francese Jean Poiret (1672), ripete il più celebre modello dell’altare papale della basilica di S. Pietro in Vaticano.
Nel battistero, ricostruito sull’area di un edificio più antico originariamente indipendente dall’attuale chiesa, si può ammirare un tabernacolo marmoreo per gli oli santi attribuito a Paolo Romano (XV secolo); nello stesso luogo si trovano i resti dell’antico ambone della cattedrale romanica e la grande vasca battesimale, che fino al 1902 è servita per l’amministrazione del battesimo di tutte le parrocchie della città.
Tra le opere di maggior pregio artistico va ricordata l’icone del Cristo Salvatore, una delle pochissime opere datate e firmate da Giovanni da Gaeta che la realizzò nel 1472, la grande tela della Madonna degli orfani di Bentivegna (1602), il più recente bassorilievo della Stimmatizzazione di S. Carlo da Sezze ed il paliotto marmoreo della Cena di Emmaus, entrambi di L. Venturini (1962): opere, queste ultime, ultime, commissionate dal vescovo Emilio Pizzoni (1951-1966).
Interessanti, sul presbiterio, i resti di un mosaico a tessere bianche e nere d’epoca romana, che determinano un disegno geometrico di una certa eleganza; insieme alle possenti strutture di probabile opera poligonale rintracciate in questi ultimi mesi al di sotto dei Palazzo dei canonici, sembrano denunciare la presenza in loco di un edificio molto antico, probabilmente avente funzioni pubbliche e comunque collegato in qualche maniera con l’ancor ottimamente conservata Posterula, un ingresso secondario aperto nella cinta muraria di Sezze su cui si addossano parte delle strutture della chiesa.
Oltre al corpo del patrono san Lidano d’Antena  - monaco benedettino vissuto dal 1026 al 1118 ed artefice, tra l’altro, di una riuscita bonifica della porzione di paludi pontine posta tra Sezze e Sermoneta -  nella chiesa madre di Sezze si conserva anche il corpo di san Leonzio, un martire dei primi secoli del cristianesimo, e le reliquie, traslatevi di recente, del venerabile fr. Bonifacio da Sezze (1747-1799).
Con un decreto della Congregazione dei vescovi del 30 settembre 1986 la cattedrale di S. Maria  - già decorata, da Benedetto XIII (1724-1730) del titolo di basilica, distinzione rinnovata nel 1808 dal Capitolo lateranense -  ha assunto il titolo di concattedrale.
In alcuni locali all’interno del Palazzo dei canonici, restaurati grazie al contributo dell’Agenzia romana del Giubileo del 2000 ed un tempo utilizzati come archivio e sale capitolari, oltre che quali collocazione del tesoro della cattedrale, è attualmente in allestimento l’Archivio capitolare ed una delle sedi del Museo diocesano di arte sacra.
Nel nostro itinerario alla ricerca delle memorie caroliane, all’interno della cattedrale dobbiamo ricordare il battistero, l’altare maggiore, l’altare del Crocifisso e il moderno altare di S. Carlo da Sezze. 
Il battistero
L’ambiente rettangolare si apre sulla navata di destra. Sulla parete di fondo del battistero domina un affresco del XIX secolo, recentemente restaurato, che raffigura il Battesimo di Gesù, opera di mediocre qualità artistica.
Interessante invece è l'enorme vasca battesimale che si trova al centro del battistero: ricavata da un unico masso di calcare, è sorretta da un robusto supporto e fino ad una ventina di anni fa era ricoperta da una cupola di legno, di nessun pregio artistico e per questo opportunamente rimossa; la vasca risale al XVI secolo, ed è opera di validi artigiani locali.
Sulla parete di destra del battistero sono stati addossati, dopo i lavori di restauro del 1968, tre gruppi marmorei di notevole pregio artistico.
Il primo risale all’XI-XII secolo ed è quasi certamente ciò che resta dell'ambone romanico della vecchia cattedrale: sul cilindro di calcare è raffigurata ad altorilievo un’aquila con le ali aperte che poggia su un putto recante un libro aperto.
Su questo gruppo scultoreo è stata collocata una piccola acquasantiera circolare, lavorata in maniera elegante, risalente al XV-XVI secolo. Sopra quest’altro elemento, infine, si trova un grazioso tabernacolo a forma di edicola, con sottarco a lacunari adorni di rosette, del XV secolo, attribuito allo scultore setino Paolo Taccone, detto Paolo Romano (1414-1471).
Ecco come ricorda san Carlo la sua nascita e il suo battesimo, avvenuto nel battistero della cattedrale:
Dunque: nacqui, stando a quello che si trova scritto nel certificato di battesimo, il 22 ottobre dell’anno 1613, di martedì, e fui battezzato il 27 di quello stesso mese, in giorno di domenica; mi misero come nome Giovanni Carlo. 
L’altare maggiore
L’altare maggiore, di stile barocco, è opera dello scultore francese Jean Poiret di Nancy, che lo terminò nel 1672; il modello ricorda il celebre altare della confessione di S. Pietro in Vaticano.
L’altare venne edificato dal vescovo Luca Cardino, che aveva intenzione di riporvi le ossa del santo patrono Lidano; ma la solenne traslazione avvenne per mano del vescovo Fabrizio Perugini che era succeduto al Cardino nell’episcopato: il memorabile evento avvenne il 18 giugno 1606. In ricordo dell’avvenimento venne posta una lapide.
Lo stesso Poiret, poi, scolpì una grandiosa statua lignea di san Lidano, che fu posta nel centro del baldacchino. Imponente ed austera raffigurazione del santo, che porta un'ampia veste le cui pieghe sono svolazzanti suscitano un suggestivo effetto chiaroscurale, san Lidano, munito del pastorale risalta per la «maschia vigoria della barba fluente» e per la «serenità dello sguardo che ispira venerazione».
Nuovi lavori all’altare maggiore vennero commissionati dai canonici, i quali ne interessano il cardinale Pietro Marcellino Corradini che, inizialmente avvertiti i concittadini della spesa ingente cui sarebbero andati incontro per far rivestire l’altare maggiore di marmi pregiati, offrì poi tutta la sua collaborazione alla nuova impresa che lo vide, come al solito, primo in generosità e gusto.
Il nuovo altare, «ex pretiosis lapidibus in ampliorem formam (…) ornatum», venne solennemente consacrato «ad honorem Gloriosissime Deipare Virginis Marie ab Archangelo Annunciate ejusdem Cathedralis Titularis, ac S.Lidani Abbatis huius Setine Civitatis Principalis Patroni».
La consacrazione dell’altare, celebrata con la dovuta solennità, avvenne venerdì 24 giugno 1735, festa di san Giovanni Battista: Gioacchino Maria Oldo (1671-1749), vescovo di Terracina, Sezze e Priverno (1726-1749), era assistito all’altare da don Luca Fasci, arciprete del Capitolo, da don Filippo de Magistris, arcidiacono, e dai canonici  Francesco Pacifici, Gregorio Cima, Francesco Iucci, Giuseppe Cerroni, Francesco Maria Tuccimei, Ignazio Vilalobos, Filippo Tuccimei, Francesco Valletta, Antonio Maria Berti e Leonardo Boffi, che presero parte alla liturgia in abito corale; erano presenti i sacerdoti e i chierici di Sezze, oltre agli alunni del seminario vescovile interdiocesano e ad una folla numerosa di fedeli, che a stento la cattedrale sembrava contenere.
Però, a giudizio del vescovo, il baldacchino dell’altare e la statua di san Lidano davano all’insieme della composizione un carattere troppo pesante e così la statua fu tolta dall’altare e collocata dentro una nicchia costruita in mezzo al coro, che nel 1771 fu riccamente decorata con il notevole contributo finanziario del decano del Capitolo dei canonici don Giacomo Fasci. In tempi recenti la statua, dopo accurato restauro, è stata nuovamente posta al centro dell’altare. La nicchia, ormai notevolmente compromessa dall’umidità, è parzialmente nascosta da un massiccio organo del XVIII secolo, proveniente dalla villa pontificia di Castel Gandolfo e donato alla cattedrale da Paolo VI (1963-1978).
Sulle pareti del coro si potevano ammirare, fino al recentissimo restauro della cattedrale, i due grandi arazzi eseguiti in occasione della beatificazione di san Carlo da Sezze, nel 1882. Rappresentano i due miracoli riconosciuti dalla santa Sede: lo stigma prodigioso apparso nel cuore di san Carlo dopo la sua morte e l’improvvisa guarigione da un cancro all’utero di Angela Mazzolini.
Nello stendardo di destra, sotto la raffigurazione del miracolo, è scritto: STIGMA DVRVM PELLVCIDVM IN LAEVO B.CAROLI LATERI / POST EIUV OBITVM EXORITVR / AC PAVLLATIM INCRESCENS / INDICIVM FACIT VVLNERIS / QVOD IPSI OLIM SACROSANCTAM HOSTIAM / ADORANTI DIVINIBVS INFLICTVM / FVERAT.
In quello di destra si può leggere invece: ANGELA MAZZOLINI CANCRO VTERI PROPE INTERIMEM (?) / B.CAROLVM SIBI DEPRECATIONEM ADSCISCIIT / EIVSQVE EFFIGIEM PIE DEXENERATA / REPENTE CONSANESCENS / CRVDELI MORBO ET MORTIS PERICVLO / LIBERATVR.
Curioso l’incidente che occorse a san Carlo, proprio per essersi recato a Sezze, in cattedrale, a pregare sulle spoglie di san Lidano:
Avvenuta la morte del padre generale fr. Giovanni da Napoli, gli successe come vicario generale il p. Daniele da Dongo, milanese, il quale cadde gravemente ammalato qui, nel convento di S. Pietro in Montorio.
Durante questa sua infermità il detto padre, per sua devozione, mi ordinò che andassi a trovarlo due volte al giorno (…) e che lo benedicessi con la reliquia del beato fra Salvatore; nello stesso reliquiario c’era una reliquia di san Lidano, al quale santo lo esortavo che anche si raccomandasse, sperando che gli avrebbe ottenuta la salute.
L’infermo era molto peggiorato e dato ormai per spedito quando un giorno, verso l’ora del silenzio, mentre stavo ritirato camera, mi venne improvvisamente un empito di spirito così grande, che mi convinse a raccomandarlo con particolare devozione a questo glorioso san Lidano, con fiducia di ottenerne la grazia. Promisi che, come ringraziamento per la grazia ricevuta, sarei andato a visitare il suo corpo che è conservato nella chiesa maggiore di Sezze, se i superiori ne fossero stati contenti.
Il detto padre migliorò subito ed essendo guarito completamente, gli feci presente l’obbligo che avevo di far tale pellegrinaggio, rimettendomi però a quello che lui mi comandava, non potendo noi disporre della nostra propria volontà, non essendone padrone, e neanche fare un voto senza il permesso. Avendomi sentito, volentieri si compiacque che facessi tutto. Con l’occasione che uno dei nostri padri doveva andare in un convento vicino dove era il santo, mi accompagnò con quello, ordinandogli che, in qualunque altro convento si fermasse, dal guardiano che vi risiedeva mi avesse fatto fare d’ordine suo l’obbedienza di poter eseguire il rimanente del viaggio e mi avesse dato un compagno.
Con questo si partì da Roma alla volta di Frascati, nel qual convento si fermò, senza più andare avanti. Mi fece fare da quel padre guardiano l’obbedienza e dare un compagno, come aveva ordinato il padre vicario generale, e andai a visitare quel santo corpo a Sezze. E, soddisfatta la devozione, tornai a Frascati e ritrovai che quel padre, con il quale vi ero andato, era ritornato a Roma e aveva notificato al padre ministro provinciale la mia andata a Sezze, senza dirgli che mi aveva mandato il superiore generale e immagino che se l’avesse molto a male, essendo andato senza il suo permesso.
Partii dal convento di Frascati accompagnato da un altro dei nostri religiosi e trovai quei padri che stavano con grandissimo timore di essere castigato come apostata avvertendomi, per loro carità, del fatto come passava (…). Non mi sgomentai di quanto successo, benché naturalmente sentissi timore; facendomi coraggio, raccomandandomi a Dio e con buona coscienza, andai dal padre ministro provinciale a rendergli obbedienza ritrovandolo che era solo nella sua stanza, ed era in quel tempo ancora il p. Giuseppe da Roma, della famiglia Rivaldi, il quale con carità mi corresse dell’essere andato a Sezze senza la sua licenza.
Volle sapere con precisione come vi ero andato, non volendo agire di fretta poiché era molto prudente e dotto. Gli diedi relazione veritiera di tutto, dicendogli che ciò fu in servizio del padre vicario generale e che vi ero andato con la sua obbedienza e di non aver pensato di notificarlo quando avevo preso la sua benedizione, volendo così l’educazione e la modestia religiosa.
Avendomi sentito, mi fece alzare in piedi, mi abbracciò e mi diede la sua benedizione e, senza darmi alcuna penitenza, mi rimandò a S. Pietro in Montorio dove quei padri credevano che il giorno seguente sarei stato ripreso in pubblico refettorio dal superiore e messo in carcere come apostata.
Andai a S. Pietro in Montorio e trovai i frati alterati per la mancanza che credevano che io avessi commesso. Resi l’obbedienza al padre vicario generale, che si rallegrò molto del mio ritorno e della grazia della salute che il Signore gli aveva fatto per intercessione del glorioso san Lidano; ricevuta la sua benedizione, senza fargli sapere cosa alcuna di quanto succedeva con i frati, andai a trovare il padre guardiano, che era allora p. Barnaba di Palermo, persona assai mite: anche lui era arrabbiato e mi rimproverò per la mancanza che credeva avessi commesso; per penitenza, mi comandò che non rientrassi, fino a suo ordine, in sacrestia, ma che andassi come compagno del cercatore di legna per Roma, dietro al somaro.
Abbracciai volentieri l’obbedienza, senza giustificarmi o fare parola con il padre vicario generale di quanto mi si faceva, lasciando passare ogni cosa, tenendo più conto di obbedire e di essere mortificato, piuttosto che di far sapere la mia innocenza; spiegai la cosa solo al mio confessore, che era p. Antonio dell’Aquila, durante la confessione, perché non si preoccupasse.
      L’altare del Crocifisso
L’altare di cui parliamo si trova sulla navata laterale di sinistra della cattedrale: conserva il prezioso Crocifisso di legno del XVII secolo, creduto opera di fr. Vincenzo da Bassiano ma più probabilmente attribuibile a fr. Paolino da Val di Noto.
San Carlo vi si fermava spesso in preghiera: 
prima di uscire di casa per le cose che dovevo fare, mi recavo, prestissimo, per mia devozione, nella chiesa maggiore di Sezze, che si chiama S. Maria, a pregare davanti un Crocifisso molto antico, che si trova nella prima cappella entrando a sinistra: lì mi trattenevo un po’ di tempo, rinfrancandomi nostro Signore con la sua divina consolazione con la preghiera di raccoglimento: mi rinnovavo tutto nell’anima, nella devozione e nella composizione interna.
 
E in effetti, davanti a questa immagine Giancarlo Marchionne prende congedo dalla sua città nel momento in cui sta per intraprendere il viaggio che lo condurrà a Roma, per essere accolto tra i frati minori: 
La mattina, prestissimo, dopo essere stato alla chiesa maggiore a pregare davanti il crocifisso che ho già ricordato, con la benedizione di mio padre e di mia madre uscii per l’ultima volta da quella città dove tanto avevo offeso il Signore, e mi trasferii a Roma.
 
La cappella di S. Carlo da Sezze
L’altare di questa cappella fu consacrato, alla presenza di tutto il clero diocesano e di una folla impressionante di fedeli, dal vescovo Emilio Pizzoni (1951-1967) il 4 agosto 1962, a ricordo del 3° Congresso eucaristico delle diocesi di Terracina, Priverno e Sezze.
L’altare è un blocco monolitico di calcare con un bassorilievo rappresentante la cena di Emmaus, opera dello scultore Luigi Venturini, che ha firmato pure la pala in terracotta della cappella, raffigurante la stigmatizzazione di san Carlo da Sezze (1613-1670).
Massimiliano Di Pastina
 
Museo "Antiquarium Comunale"

 

 
Monastero S. Chiara

Il monastero delle clarisse
Il monastero di S. Chiara veniva ad affiancarsi all’altra presenza di vita consacrata femminile, molto antica, costituita dalle monache benedettine di S. Lucia che, dopo una vita fiorente, verrà abbandonato per mancanza di soggetti ed entrerà a far parte delle proprietà del Capitolo della cattedrale.
Nel testamento rogato dal notaio Giovanni Ferrari di Sermoneta il 16 febbraio 1266, Giovanni Sapiente lasciava in eredità «Fratribus minoribus de Setia X solidos, et monialibus X alios solidos»: è la prima notizia documentaria riguardo alla comunità francescana di Collegrotte  - fondata qualche decennio prima -  ed alle clarisse del castello di monte Trevi, una località poco distante da Sezze.
La presenza delle monache di santa Chiara in questo castello ci è attestata esplicitamente da una bolla del 17 aprile 1313 con la quale Clemente V, da Avignone, concedeva indulgenze e privilegi spirituali al monastero delle clarisse.
Il castello di monte Trevi fino al 1205 era appartenuto ai setini; Innocenzo III lo aveva quindi concesso ai signori di Ceccano nella persona del conte Giovanni. Passato successivamente ad un ramo cadetto dei Pagani, i quali cambiarono nome assumendo quello di «signori di Trevi», per eredità fu acquisito dai Normisini ed infine venne in possesso dei Caetani; occupato nel 1404 dal re di Napoli Ladislao di Durazzo che lo mantenne per anni, fu restituito all’antipapa Giovanni XXIII a malincuore, data la sua ottima posizione strategica.
Con l’avvenuta restituzione alla Sede apostolica la popolazione di Sezze insorse contro Trevi distruggendola in modo pressoché totale, temendo che la roccaforte venisse di nuovo concessa in feudo, e riprendessero quindi le angherie e le vessazioni che i castellani di turno mai avevano risparmiato ai setini.
Le clarisse dovettero necessariamente abbandonare il castello e il loro monastero; non siamo in grado di affermare se, dopo l’esodo forzato da Trevi, la comunità trovò subito riparo all’interno delle mura di Sezze: sarebbe stata questa la decisione più ovvia, e per vari motivi, ma non è finora documentata.
È attestata invece, nella seconda metà del XVI secolo, la nascita di una nuova presenza clariana nel centro storico di Sezze: il 29 settembre del 1566 le autorità cittadine deliberarono di costruire un monastero nelle adiacenze della chiesa parrocchiale di S. Pietro, da cui avrebbe preso il nome; per curarne gli inizi e il successivo governo, le autorità decisero di eleggere tre «depositarii delle elemosine» e tre procuratori.
Ad una attenta lettura degli eventi, ci si rende conto di una precisa strategia di riqualificazione delle presenze religiose e delle evidenze architettoniche nella parte più antica di Sezze, determinate in maniera preponderante dal nuovo collegio della Compagnia di Gesù .
La creazione dell’insula gesuitica nella zona di S. Pietro ha comportato il sacrificio delle due vecchie chiese parrocchiali di S. Angelo e di S. Nicola, ma ha significato anche l’integrale riorganizzazione di un quartiere che appariva disordinato e ormai fatiscente; un radicale riassetto edilizio che ha interessato anche la zona attualmente delimitata a sud da via Cavour e a nord da via Corradini, sorta a ridosso dell’unico tratto ancora conservato della recinzione particolare dell’acropoli, un muro in opera poligonale di IV maniera: proprio la costruzione  del nuovo monastero ha finito per dare un volto nuovo alla zona, ancora oggi fortemente caratterizzata dalla grande e austera facciata del complesso di S. Chiara.
La nuova costruzione ha completamente assorbito gli edifici della chiesa parrocchiale di S. Pietro e, probabilmente, anche alcune abitazioni private; gli immobili utilizzati allo scopo sono precisati nell’Informatione, della Parochiale di S. Pietro di Sezze, un manoscritto rilegato tra le carte della visita pastorale effettuata dall’ordinario diocesano Domenico Ercole Monanni nel 1707: il documento, redatto dal parroco di S. Pietro don Pietro Paolo Vincenzi, specifica che «per fabricare, et augumentare il materiale di detto Monastero, pigliorno la Chiesa di S. Pietro, con il Campanile, e Campane, Case Parochiali, Giardini, con suoi annessi, e pertinenze, vedendosi anche adesso l’antichi vestigij, e segni, come si puol riconoscere, dalla statua, di S. Pietro, esistente, in una nicchia nel Cortile, dentro detto Monastero, e dalle chiavi, che stavano intagliate, in pietra, sopra il Portone vecchio, prima della costruttione, del novo Stemma, di detta Parochiale».
I lavori andarono, in verità, molto a rilento: nel 1567 Sebastiano Baratta scriveva nel suo testamento di questa intenzione «di far monastero di monache», mentre in un altro testamento del 1574 si stabiliva un legato in danaro per il monastero «monialium quod nunc costruitur in loco dicto Ecclesia S. Petri».
Il nuovo edificio fu occupato dalle clarisse, anche se l’originaria destinazione era per le monache domenicane; venne loro affidato nel 1581, come scrive p. Ludovico da Modena. Il 30 marzo 1597 il vescovo diocesano Fabrizio Perugini decretò l’unione e l’incorporazione della chiesa di S. Pietro al monastero di S. Chiara, trasferendo la parrocchia nella vicina chiesa dei S.S. Sebastiano e Rocco, costruita nel 1527.
I lavori di adattamento si protrassero ancora per qualche altro anno: nell’architrave della porta della chiesa è infatti scritto: Venerandus est locus iste / in quo orant virgines Christri / 1603.
Nel 1706 venne invece innalzato l’artistico portale del monastero, di una certa eleganza, sul cui timpano venne incisa una nuova iscrizione: D.O.M. / Virgineas ducens acies / lumine Clara domum / MDCCVI.
Sin dai primi tempi della fondazione il monastero poté accogliere un gran numero di monache, come peraltro testimonia nel secolo XVII Giuseppe Ciammarucone: «vivono in esso cinquanta monache professe, oltre alle zitelle d’educazione. Si davano in prima quattro cento scudi per la dote ma il Vescovo presente l’ha cresciuta alli seicento».
Nel 1989 la comunità delle clarisse di S. Chiara si è trasferita a Latina: una decisione discutibile sotto vari aspetti, e di fatto resa operativa dopo anni di ripensamenti e di verifiche; il nuovo monastero è stato edificato in una zona periferica del capoluogo di provincia, ma contrassegnata da una forte e disordinata urbanizzazione. Le monache, che negli anni ’60 del secolo appena trascorso avevano acquistato il terreno perché in aperta campagna, si trovano ora ad abitare un edificio incompiuto, che confina da un lato con una scuola pubblica e da un altro con una chiesa parrocchiale, circondato da palazzi e da abitazioni private che ne condizionano sensibilmente la necessaria riservatezza.
La memoria di san Carlo è legata soprattutto alla figura della sorella, suor Maria Francesca di Gesù (Valenza Marchionne).
Massimiliano Di Pastina
 
Chiesa SS. Pietro e Paolo (XVI sec.)
Collegio della Compagnia di Gesù
Sorti tra il XVI e il XVII secolo, il collegio della Compagnia di Gesù di Sezze, divenuto in seguito seminario vescovile, e la chiesa dei S.S. Pietro e Paolo  - da sempre conosciuta come S. Pietro -  sono il risultato di una imponente opera di trasformazione edilizia dell’impianto medioevale del quartiere corrispondente alla vecchia acropoli della città.
I lavori, condotti in clima di concorde e leale collaborazione tra i gesuiti e le autorità di Sezze, hanno comportato una organica riqualificazione del tessuto urbano, costituito da orti, stradine poco praticabili, vecchie case perlopiù abbandonate (ad esclusione, sembra, di un bel palazzotto con evidenze architettoniche quattrocentesche) e da due antiche chiese, S. Angelo (S. Agnilo, scrivono i documenti dell’epoca) e S. Nicola.
Un primo gruppo di gesuiti fu inviato a Sezze dal preposito generale della Compagnia p. Claudio Acquaviva per i contatti preliminari necessari alla fondazione di un collegio, dietro le insistenze della municipalità di Sezze che intendeva così risolvere il problema dell’istruzione scolastica. Le attività dei religiosi iniziarono qualche anno più tardi, dapprima in casa dell’arciprete di Sezze e poi in locali ancora provvisori.
Nell’Instrumento della fondatione, stipulato a Roma il 27 febbraio 1589, la «Comunità di Sezze» si obbligava a «provedere li Padri di sito, Chiesa, et habitatione sufficiente per il Collegio conforme al Modello, che poi si fece per ordine del P. Generale, à cui sodisfattione si doveva fare il tutto».
Alcune difficoltà si frapposero alla pronta realizzazione del complesso gesuitico, soprattutto riguardo alla costruzione della chiesa del collegio, che fu dovuta iniziare non dall’abside  - come d’uso -  ma dalla facciata, allo scopo di ritardare il più possibile il progettato abbattimento della chiesa di S. Angelo, nell’attesa che si giungesse ad un accordo con il vescovo diocesano Fabrizio Perugini (1594-1608) che non riteneva necessario  - anche per insistenza del clero della parrocchia -  un intervento così radicale; non c’erano state invece difficoltà riguardo alla trasformazione della chiesa di S. Nicola (già concessa, «cum eius domo», da Sisto V alla Compagnia di Gesù con un breve del 1° marzo 1588, e che costituisce il “nucleo” della fondazione) dapprima riadattata dai gesuiti per l’esercizio dei ministeri e poi definitivamente inglobata nella nuova fabbrica, di cui costituì parte della cappella dei religiosi.
Il preposito generale p. Acquaviva rimise a p. Giovanni De Rosis (1538-1610), valente architetto gesuita, l’incarico della progettazione e della direzione dei lavori della chiesa e del collegio di Sezze, cui p. De Rosis attese, con frequenti visite al cantiere, tra il 1591 e il 1608.
I lavori di sistemazione generale del complesso e di arredo interno della chiesa continuarono ancora per vari anni: nel 1630 venivano terminate le cappelle laterali di S. Ignazio di Lodola e di S. Bono; ma la ricevuta con la quale Andrea Ruggirei, il 22 luglio 1664, attesta di aver riscosso «scuti dodici in dui dobloni di oro da Mol.R.P. Fratesco Scofizzi procuratore di detto Collegio» per il «conblimento di scudi cento (…) per conblimento dell’altare di san. Ignazio del Collegio di Sezze», testimonia che i lavori della chiesa proseguono dopo vari decenni dalla posa della prima pietra.
Massimiliano Di Pastina
 
Monumento a S. Carlo

 

 

Torna su